Home » Blog » Rassegna stampa

Rassegna stampa

Bergamo apre le porte al Festival Città Impresa

Corriere della Sera / di Donatella Tiraboschi

Incrociare manifatture e nuovi saperi, grazie alla contaminazione dei servizi in un territorio e in una città industrialmente vitali e ricettivi: questo il biglietto da visita con cui si presenta il secondo «Bergamo Città-Impresa», edizione autunnale del Festival dei Territori Industriali in programma dal 26 al 28 ottobre nel capoluogo orobico, che si candida a diventare la capitale dell’istruzione tecnica post diploma. Read more

18 ottobre 2018
Dettagli
Faggin: «Non dobbiamo temere le macchine ma gli uomini»

Il Trentino / di Matteo Cassol

«Non dobbiamo temere le macchine, ma gli umani che controllano quelle macchine»: a dirlo è Federico Faggin, a cui si devono il primo microprocessore della storia (l’Intel 4004, realizzato all’inizio degli anni Settanta) e le successive due generazioni. Il fisico, inventore e imprenditore sarà uno dei protagonisti del festival “Informatici senza frontiere”, in programma a Rovereto da domani a domenica.Faggin, lei tratterà delle differenze tra l’intelligenza umana e quella delle macchine. Cosa ci può anticipare al riguardo?«Sono temi trascurati per qualche tempo che tornano ora di attualità in virtù dei progressi della tecnologia. Da trent’anni studio la natura della consapevolezza e della coscienza. Ho idee ben precise su cosa è possibile fare con i computer e cosa no». Read more

11 ottobre 2018
Dettagli
Buona e utile, la tecnologia sposa l’etica

Tuttoscienze – La Stampa

Il maestro Vincenzo Deluci è un noto jazzista, tetraplegico a causa di un incidente stradale. Ma è tornato a suonare la tromba grazie a un riadattamento molto particolare del suo strumento. La scienza l’ha aiutato. Dove non arriva la meccanica – non sempre ce la si può cavare con un semplice supporto – l’informatica fa il resto. Convertendo, per esempio, la pressione di un dito, ormai incapace di percuotere una corda ma ancora capace di tastare un interruttore, nel segnale audio di una chitarra o di un’arpa. Read more

10 ottobre 2018
Dettagli
Macchine & cioccolata (in 100 fabbriche aperte)

L’Economia del Corriere della Sera / di Raffaella Polato

L’ orgoglio, soprattutto. Orgoglio per ciò che producono, per il lavoro ben fatto, per quel mix di alta tecnologia e abilità artigianali uniche al mondo che fa di loro i campioni del made in Italy. Creino seta oppure auto da competizione, si occupino di caffè o di biotech o di meccatronica, sono le eccellenze che ovunque ci invidiano. E che loro, ora, hanno voglia di condividere. Read more

8 ottobre 2018
Dettagli
Nuove tecnologie e futuro sfilata di esperti e relatori

Il Trentino

È la seconda edizione, quella che parte la prossima settimana, del festival “Informatici senza frontiere”, ma se quella della scorso anno si poteva considerare una sorta di “numero zero”, come ha spiegato il rettore dell’Università di Trento Paolo Collini, quest’anno si fa sul serio, con il sostegno della Provincia e della Dedagroup, una delle aziende trentine leader nel campo delle nuove tecnologie. Read more

5 ottobre 2018
Dettagli
Oltre 40 mila presenze a Trieste Next 2018 «Imprese innovative sempre più centrali»

Il Piccolo / di Micol Brusaferro

Trieste Next 2018 chiude con oltre 40 mila presenze, tra conferenze sold out, più di 4 mila studenti coinvolti nella sola mattinata inaugurale e altre migliaia di visitatori tra gli stand allestiti in piazza dell’Unità d’Italia nelle tre giornate. Bilancio positivo da parte degli organizzatori e per il futuro c’è il desiderio di puntare sempre più sull’internazionalizzazione e sullo spazio garantito alle imprese che fanno ricerca. Buoni affari anche per i locali del centro, mentre gli albergatori non registrano un’affluenza particolarmente significativa, e suggeriscono di pensare a una promozione dell’evento in chiave turistica, oltre che culturale. Read more

2 ottobre 2018
Dettagli
Burioni star del finale di Trieste Next «Lo Stato dia certezze sui vaccini»
«Quella che dici è una scemenza, darei la vita perché tu possa studiare e smetterla di dirne». Roberto Burioni, virologo e ormai star dei social per la sua lotta contro le fake news, ha chiuso parafrasando Voltaire, e adattandolo ai tempi moderni, l’incontro di ieri nell’ultimo giorno di Trieste Next in un teatro Miela pieno anche in galleria e con più di qualcuno che si è dovuto spostare in piazza Unità per seguire sul maxischermo il dibattito moderato dal giornalista Gabriele Beccaria del quotidiano La Stampa. A introdurre i lavori il direttore dell’Icgeb, Mauro Giacca, che ha spiegato cos’è un ciarlatano ripercorrendo alcuni casi italiani come quelli di Stamina o Di Bella.

Read more

1 ottobre 2018
Dettagli
La super ricercatrice ospite a Trieste Next «Credete alla scienza, non alle fake news»

Il Piccolo / di Andrea Pierini e Micol Brusaferro

«La vita degli scienziati è nei laboratori, ma se non varchiamo le porte e non interveniamo c’è il rischio che lo spazio pubblico venga occupato da fake news e ciarlatani. E se un 2% dei cittadini è irrecuperabile, rischiamo di perdere anche un ulteriore 15, 20% di persone che invece hanno dubbi e paure». Elena Cattaneo, prima che senatrice a vita, è una ricercatrice. Il suo appello è arrivato nell’incontro pubblico a Trieste Next in un teatro Miela straripante di giovani affascinati dal legame tra scienza ed etica. Read more

30 settembre 2018
Dettagli
Piacenza è già forte ma forse non lo sa “Serve più coraggio”

La Libertà / di Patrizia Soffientini

La platea ai Teatini, fatta di autorità, studenti e imprenditori, mormora con simpatia quando il sociologo Aldo Bonomi, direttore del Consorzio Aster, lancia la formula per Piacenza «tenere insieme la coppa e Amazon». Bella suggestione. Il piacere più tradizionale a braccetto con la contemporaneità dei flussi di merci di cui siamo l’ambito crocevia. Read more

15 settembre 2018
Dettagli
Il festival dei territori industriali oggi a Piacenza: il coraggio di osare

La Libertà / di Giangiacomo Schiavi

Piacenza è sulle traiettorie dell’innovazione, delle nuove reti e dei flussi che dal Nord Est passano per Milano e arrivano a Bologna, dicono gli economisti. Però le Ferrovie sono rimaste indietro e i ponti con la Lombardia sono pericolanti. Una verità e un paradosso fotografano con la nuda essenzialità dei fatti lo stato di una città che appare adagiata su se stessa: vede passare i treni dello sviluppo, ma rischia di perderli. Read more

14 settembre 2018
Dettagli