Home » Blog » Archivi per Lisa Moretto

Lisa Moretto

BookWeek, la settimana dei libri e degli autori | Borgo Valbelluna, 5-7-8 giugno 2019

Borgo Valbelluna, 28 maggio 2019
 

Dal 5 giugno a Borgo Valbelluna si accendono i riflettori sul mondo della letteratura con la nuova edizione della BookWeek.


Protagonisti tre autori d’eccellenza – la nutrizionista Lucilla Titta, l’astrofisica Sandra Savaglio e il sociologo Domenico De Masi – che ci accompagneranno in tre serate, rispettivamente a LentiaiMel e Trichiana, presentando le loro ultime fatiche editoriali. Gran finale con il Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, nato negli anni Novanta e giunto oggi alla sua 29^ edizione. In finale dieci racconti dal tema “La notte”.

Read more

Borse di soggiorno per partecipare all’Academy del Trieste Next – Festival della Ricerca Scientifica

Borse di soggiorno per studenti universitari per partecipare all’ottava edizione di Trieste Next – Festival della Ricerca Scientifica, dedicata al tema BIG DATA, DEEP SCIENCE – Il futuro della scienza e degli umani nell’era dell’intelligenza aumentata

 Visite in azienda e nei laboratori di ricerca, talk, seminari con i grandi nomi della ricerca scientifica e dell’impresa innovativa: tutte le informazioni su www.triestenext.it Read more

Galileo Festival fa il pienone «Lo vogliamo raddoppiare»

Il Mattino di Padova / di Claudio Malfitano

Il “Galileo Festival” verso il raddoppio: da una a due settimane di scienza e innovazione in città. Almeno secondo le intenzioni dell’assessore alla cultura Andrea Colasio, che ha utilizzato la “massa critica” dell’iniziativa (creata da ItalyPost assieme all’ateneo e agli altri enti cittadini) per rilanciare l’omonimo premio letterario, che viveva un momento di “stanca” e che è stato vinto da Cristina Cattaneo. «La cosa positiva di questa edizione è stata la corale partecipazione di tutte le istituzioni di ricerca della città», ha detto l’esponente di giunta. Read more

Chiude il Galileo. Migliaia di giovani protagonisti della settimana della scienza e innovazione

Si è chiusa oggi pomeriggio a Padova l’edizione 2019 del Galileo Festival dell’Innovazioneuna settimana di incontri affollati da migliaia di giovani giunti da ogni parte d’Italia, da imprenditori e professionisti che lavorano quotidianamente nel campo della ricerca e dell’innovazione e da migliaia di cittadini curiosi di scoprire idee e progetti che cambieranno il futuro. Read more

“Naufraghi” di Cristina Cattaneo Al Galileo vince la scienza etica

Il Mattino di Padova / Nicolò Menniti-Ippolito

L’immagine più bella è dopo, quando il vincitore è stato annunciato, le interviste sono finite e i ragazzi si avvicinano ai finalisti del Premio Galileo e chiedono autografi sui libri, fanno fotografie, si rivolgono senza imbarazzo agli autori che hanno votato e per cui hanno anche tifato. Se si tratta di avvicinare gli studenti alle scienze, insomma, il Premio Galileo ha funzionato, anche fisicamente. Poi c’è tutto quello che viene prima.

Read more

Il territorio e l’identità che bisogna valorizzare

Il Mattino di Padova / di Riccardo Sandre

«Padova è una capitale storica dell’innovazione e la Settimana della Scienza vuole restituire al pubblico un patrimonio culturale e tecnologico che è rimasto sottotraccia per troppo tempo».

A dirlo Andrea Colasio, assessore alla cultura del Comune di Padova promotore di un evento che tra domani e il 12 maggio metterà a sistema le tante istituzioni scientifiche della città, il Premio letterario Galileo e il Festival Galileo in una settimana carica di oltre 80 eventi a cui parteciperanno più di 200 relatori nazionali e internazionali. Read more

Elena Cattaneo: “La scienza può guidare la politica a prendere decisioni responsabili”

Il Mattino di Padova / di Nicolò Menniti-Ippolito

Quest’anno a presiedere la giuria tecnica del Premio Galileo è stata Elena Cattaneo, la biologa che Giorgio Napolitano ha nominato “senatore a vita”, sottolineando in questo modo il grande valore delle sue ricerche. Un nome prestigioso, ma anche una donna che ha a cuore le sorti della scienza in Italia.

Read more

Dal 6 al 12 maggio Padova sarà per una settimana capitale della scienza e dell’innovazione. Tornano il Premio Galileo e il Galileo Festival con più di 80 eventi e 200 relatori

Padova è la città di Galileo Galilei, una delle capitali italiane della Scienza e dell’Innovazione. Cultura scientifica e capacità di trasferire tecnologie al mondo delle imprese vi fioriscono da secoli: Padova è una città il cui patrimonio culturale si identifica in larga parte con le istituzioni scientifiche che vi sono insediate.

Ed è in questo contesto che – dopo la proficua collaborazione dello scorso anno, in cui il Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica e il Galileo Festival dell’Innovazione hanno unito le forze creando una grande manifestazione nel segno della scienza – quest’anno il progetto diventa ancora più ambizioso: dal 6 al 12 maggio la manifestazione si allarga fino a diventare La settimana della Scienza e dell’Innovazione, sette giorni in cui oltre 30 realtà del mondo scientifico, culturale, imprenditoriale e associativo e le istituzioni cittadine proporranno iniziative nelle proprie sedi o in vari spazi, trasformando la città nel capoluogo del sapere scientifico e della divulgazione e aprendo al pubblico i luoghi della scienza. Read more

Ditte tedesche in Veneto Un giro da 13 miliardi

Il Giornale di Vicenza / di Piero Erle

Cara Germania, quanto conti per il Veneto. È stata un’indagine di banca Intesa presentata a Vicenza per l’incontro “Quanto valgono le aziende tedesche in Italia e nel Nordest” – evento del Festival Città Impresa – a chiarire a suon di numeri quanto i rapporti con Berlino valgano per noi. «Spesso – spiega Fabrizio Guelpa della direzione Studi e ricerche di Intesa San Paolo, che ha curato l’indagine – si guarda alle relazioni di import-export: la Germania compra moltissime componenti dall’Italia, ad esempio per l’automotive e voi vicentini avete il distretto della concia di Arzignano che è un grande esportatore di componenti in pelle per le macchine di lusso. Quello però che abbiamo fatto vedere con questo studio è che c’è anche una presenza diretta della Germania nel nostro Paese». E i numeri sono notevolissimi. I tedeschi sono il 3° investitore assoluto in Italia, dopo Usa e Francia: «Parliamo – sottolinea Guelpa – di 1900 aziende, 168 mila persone occupate e 72 miliardi di fatturato, cifre di grande rilievo».

IL PESO DEL VENETO. È la Lombardia a fare la parte del leone, ma il Veneto gode di un record tutto suo: il Veneto infatti genera il 18% (13 mld) del fatturato sviluppato dai tedeschi in Italia, ed è la cifra record perché per gli Usa viceversa noi “contiamo” solo per il 3,2% e per la Francia per il 2,8%. Anzi, la Germania genera una percentuale maggiore di quanto non accada per la stessa Italia: il 18% – certifica lo studio di Intesa – «è superiore al dato italiano e delle multinazionali degli altri Paesi». La presenza tedesca poi ha qui dei veri campioni come Volkswagen e Porsche (vedi box) ma conta moltissimo anche in altri settori industriali e non solo nell’auto: «Le imprese tedesche – sottolinea Guelpa – incidono per il 9% del fatturato globale del settore chimico, e per il 6% di quello farmaceutico. In sostanza, alcuni nostri settori industriali sono fortemente tedeschi, anche perché sono intervenuti a sostenere aziende che altrimenti non ci sarebbero di più».

PRODUTTIVITÀ. Come detto, le imprese tedesche in Germania danno lavoro qui in Italia a 168 mila persone (grazie soprattutto alla distribuzione, ad esempio col colosso Lidl), con risultati validissimi visto che (vedi grafico) il valore aggiunto per addetto è di 464 mila euro contro i 48 mila di media del totale delle imprese italiane. «Per i tedeschi – ribadisce Guelpa – c’è grossa presenza manifatturiera, ad esempio nella meccanica, perché poi riescono a fare valere le loro capacità commerciali e vendere in giro per il mondo quello che producono qui. Più vendono, poi, più creano altra occupazione mettendo assieme profitti e crescita, ed è un vantaggio anche per il fisco italiano che incassa a sua volta le imposte sulla produzione fatta qui». Spesso acquistano aziende anche mantenendo in sella il management italiano: «Qui comprano competenze, conoscono bene il valore di addetti e manager». Lo studio di Intesa infine fotografa i fatturati oggi di aziende esistenti, ma la tendenza che si intravede è a una crescita di presenza tedesca tramite nuove acquisizioni. Il legame è sempre più stretto.